AFORISMI SULLA MORTE



Ai vivi si devono dei riguardi, ai morti si deve soltanto la verità.
(Voltaire)

C'è chi muore oscuro perché non ha avuto un diverso teatro.
(Denis Diderot)


Che cosa non mi piace della morte? Forse l'ora.
(Woody Allen)

Chi non riesce più a provare stupore e meraviglia è già come morto e i suoi occhi sono incapaci di vedere.
(Albert Einstein)

Chi pensa alla morte muore due volte.
(Proverbio Popolare)

Chi pensa è immortale, chi non pensa muore.
(Averroè)

Chi trascura di imparare in giovinezza perde il passato ed è morto per il futuro.
(Euripide)

Chiunque sia felice rende felici anche gli altri. Chi ha coraggio e fede non morirà mai in miseria.
(Anne Frank)

Ci sono cose peggiori della morte. Se hai passato una serata con un assicuratore, sai esattamente di cosa parlo.
(Woody Allen)

Con la violenza puoi uccidere colui che odi, ma non uccidi l'odio. La violenza aumenta l'odio e nient'altro.
(Martin Luther King)

Desiderare l'immortalità è desiderare la perpetuazione in eterno di un grande errore.
(Arthur Schopenhauer)

Diciamo di ammazzare il tempo come se, purtroppo, non fosse il tempo ad ammazzare noi.
(Alphonse Allais)

Dico spesso che un grande dottore uccide più gente che un grande generale.
(Gottfried Wilhelm von Leibniz)

Dicono che l'amore è vita, io per amore sto morendo.
(Jim Morrison)

Dovetti scegliere tra morte e stupidità. Sopravvissi.
(Gesualdo Bufalino)

E' accertato che bere alcolici significa una morte lenta. E chi ha fretta.
(Anonimo)

E' il destino dell'uomo, quello di morire una sola volta.
(Francis Quarles)

E' l'amore, non la ragione, che è più forte della morte.
(Thomas Mann)

E' vero che molte persone perdono la vita per un incidente; ma è anche vero che la maggior parte della gente deve la propria vita ad un incidente.
(Robert Lembke)

Era un uomo così antipatico che dopo la sua morte i parenti chiesero il bis.
(Totò)

Fidarsi degli uomini è già farsi uccidere un po'.
(Louis Ferdinand Cèline)

Finché ho un desiderio, ho una ragione per vivere. La soddisfazione è la morte.
(George Bernard Shaw)

Forse ci rendiamo la vita tanto difficile perché ci sia più facile la morte.
(Gerhard Uhlembruck)

Fu il tuo bacio, amore, a rendermi immortale.
(Margaret Fuller)

Generali e medici entrano in Paradiso attraverso la porta dei fornitori.
(Tristan Bernard)

Gli obesi vivono di meno: però mangiano di più.
(Stanislaw Jerzy Lec)

Gli uomini colti sono superiori agli uomini incolti nella stessa misura in cui i vivi sono superiori ai morti.
(Aristotele)

Gli uomini dimenticano piuttosto la morte del padre che la perdita del patrimonio.
(Niccolò Machiavelli)

Gli uomini sono buoni con i morti quasi quanto sono cattivi con i vivi.
(Indro Montanelli)

Gli uomini, non avendo nessun rimedio contro la morte, la miseria e l'ignoranza, hanno stabilito, per essere felici, di non pensarci mai.
(Blaise Pascal)

I figli aumentano le preoccupazioni della vita, ma mitigano il pensiero della morte.
(Francis Bacon)

I grandi geni hanno le biografie più brevi.
(Ralph Waldo Emerson)

I pensieri periscono, come gli uomini.
(Marguerite Yourcenar)

I piaceri sensuali passano e svaniscono in un batter d'occhio, ma l'amicizia tra noi, la reciproca confidenza, le delizie del cuore, l'incantesimo dell'anima, queste cose non periscono, non possono essere distrutte. Ti amerò fino alla morte.
(Voltaire)

I suicidi sono solo degli impazienti.
(Gesualdo Bufalino)

Il braccio di un angelo non potrà strapparmi alla tomba, ma legioni d'angeli non potranno confinarmici.
(Edward Young)

Il gran desiderio d'un cuore inquieto è di possedere interminabilmente la creatura che ama o di poterla immergere, quando sia venuto il tempo dell'assenza, in un sonno senza sogni che non possa aver termine che col giorno del ricongiungimento.
(Albert Camus)

Il lungo termine è una guida fallace per gli affari correnti: nel lungo termine saremo tutti morti.
(John Maynard Keynes)


Il professore di lingue morte si suicidò per parlare le lingue che sapeva.
(Leo Longanesi)

Il sole può tramontare e poi risorgere; noi, invece, una volta che il nostro breve giorno si spegne, abbiamo davanti il sonno di una notte senza fine.
(Catullo)

Il tempo è un grande maestro, ma sfortunatamente uccide tutti i suoi studenti.
(Hector Berlioz)

In qualunque luogo ci sorprenda la morte in battaglia, che sia la benvenuta.
(Ernesto Che Guevara)

La brevità della vita ci vieta di concepire speranze a lungo termine.
(Orazio Flacco)

La consapevolezza della morte ci incoraggia a vivere.
(Paulo Coelho)

La fede è una corda alla quale si rimane appesi, quando non ci si impicca.
(Sören Kierkegaard)

La guerra è il massacro di persone che non si conoscono, per conto di persone che si conoscono ma non si massacrano.
(Anonimo)

La medicina è l'arte che insegna ad ammazzare.
(Francisco de Quevedo)

La morte distrugge un uomo, l'idea della morte lo salva.
(Edward Morgan Forster)

La morte è l'unica delle mie avventure che non potrò raccontare.
(François Mauriac)

La morte non è nel non poter comunicare, ma nel non poter più essere compresi.
(Pier Paolo Pasolini)

La preoccupazione per la propria immagine, è questa la fatale immaturità dell'uomo. E' così difficile essere indifferenti alla propria immagine. Una tale indifferenza è al di sopra delle forze umane. L'uomo ci arriva solo dopo la morte.
(Milan Kundera)

La razza umana è diventata forte nella lotta perpetua, e non potrà che perire in una perpetua pace.
(Adolf Hitler)

La scienza è un cimitero di idee morte, anche se ne può uscire la vita.
(Miguel de Unamuno)

La verità è un segreto che il morente porta con sé.
(Sören Kierkegaard)

La vita e la morte confluiscono in uno e non c'è né evoluzione né destino, soltanto essere.
(Albert Einstein)

La vita è la più monotona delle avventure: finisce sempre allo stesso modo.
(Roberto Gervaso)

La vita è l'infanzia della nostra immortalità.
(Johann Wolfgang von Goethe)

La vita è piacevole. La morte è pacifica. E' la transizione che crea dei problemi.
(Isaac Asimov)

La vita è un sogno dal quale ci si sveglia morendo.
(Virginia Woolf)

L'amore costruito sulla bellezza muore presto, come la bellezza.
(John Donne)

L'amore nasce per appetito, dura per fame e muore per sazietà.
(Alessandro Morandotti)

L'amore uccide ciò che siamo stati perché si possa diventare ciò che non eravamo.
(Sant'Agostino)

Le masse popolari sono incoerenti, piene di riottosi desideri, passionali e imprevigenti delle conseguenze; devono essere riempite di paura per tenerle a bada. Per questo gli antichi ben fecero ad inventare gli dei e l'idea della punizione dopo la morte.
(Polibio)

L'idea che si morirà è più crudele del morire, ma meno dell'idea che un altro sia morto.
(Marcel Proust)

L'importante è che la morte mi colga vivo.
(Marcello Marchesi)

L'umanità si trova oggi ad un bivio: una via conduce alla disperazione, l'altra all'estinzione totale. Speriamo di avere la saggezza di scegliere bene.
(Woody Allen)

L'uomo muore sempre prima di essere completamente nato.
(Erich Fromm)

Materia dell'arte non è il bello o il nobile, tutto è materia d'arte. Tutto ciò che è vivo: solo il morto è fuori dell'arte.
(Francesco De Sanctis)

Meglio essere vigliacchi per un minuto che morti per il resto della vita.
(Woody Allen)

Molto si miete in guerra, ma il raccolto è sempre scarsissimo.
(Orazio Flacco)

Morire è tremendo, ma l'idea di morire senza aver vissuto è insopportabile.
(Erich Fromm)

Morire per delle idee va bene, ma di morte lenta.
(Fabrizio De Andrè)


Nasciamo una sola volta, due non è concesso; tu, che non sei padrone del tuo domani, rinvii l'occasione di oggi; così la vita se ne va nell'attesa, e ciascuno di noi giunge alla morte senza pace.
(Epicuro)

Nella vita come sul tram, quando ti siedi sei al capolinea.
(Camillo Sbarbaro)

Nella vita l'unica cosa certa è la morte, cioè l'unica cosa di cui non si può sapere nulla con certezza.
(Sören Kierkegaard)

Non amare è un lungo morire.
(Proverbio Indiano)

Non andate ai funerali degli altri, tanto loro non verranno al vostro.
(Anonimo)

Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu la possa esprimere.
(Voltaire)

Non è che ho paura di morire, solo che non voglio esserci quando accadrà.
(Woody Allen)

Non è facile vivere dopo morti.
(Stanislaw Jerzy Lec)

Non ho paura della morte, ma di morire.
(Indro Montanelli)

Non si può fare una rivoluzione portando i guanti di seta.
(Stalin)

Non voglio raggiungere l'immortalità con il mio lavoro. Voglio arrivarci non morendo.
(Woody Allen)

Nulla può far danno a un uomo buono, né in vita né dopo la morte.
(Socrate)

Ogni minuto muore un imbecille e ne nascono due.
(Eduardo De Filippo)

Ogni morte d'uomo mi diminuisce, perché io partecipo all'umanità. E così non mandare mai a chiedere per chi suona la campana: essa suona anche per te.
(John Donne)

Ogni separazione ci fa pregustare la morte; ogni riunione ci fa pregustare la risurrezione.
(Arthur Schopenhauer)

Ognuno dovrebbe perdonare i propri nemici, ma non prima che questi siano impiccati.
(Heinrich Heine)

Per amore si può morire. Specialmente nei brutti film e nei cattivi romanzi.
(Roberto Gervaso)

Per gli uomini famosi tutta la terra è un sepolcro.
(Tucidide)

Per metà degli uomini la morte arriva prima di diventare creature razionali.
(David Hume)

Per trovare il senso della vita non c'è niente come morire.
(Enrique Jardiel Poncela)

Per una donna mi butterei anche nel fuoco. Ma dopo di lei.
(Roberto Gervaso)

Più di una bella impiccagione previene un pessimo matrimonio.
(William Shakespeare)

Quando i ricchi si fanno la guerra sono i poveri che muoiono.
(Jean Paul Sartre)

Quando si muore si ha ben altro da fare che di pensare alla morte.
(Italo Svevo)

Quando sono sopraffatto dalle preoccupazioni, ripenso a un uomo che, sul suo letto di morte, disse che tutta la sua vita era stata piena di preoccupazioni, la maggior parte delle quali per cose che mai accaddero.
(Winston Churchill)

Quando un uomo muore, non viene strappato un capitolo dal libro, ma viene tradotto in una lingua migliore.
(John Donne)

Quanto v'è di certo nella morte è un po' mitigato da quanto v'è d'incerto: è un indefinito nel tempo, che ha in sé qualche cosa dell'infinito e di ciò che chiamiamo eternità.
(Jean de La Bruyère)

Quello che non mi uccide, mi fortifica.
(Friedrich Nietzsche)

Ricordati che l'uomo non vive altra vita che quella che vive in questo momento, né perde altra vita che quella che perde adesso.
(Marco Aurelio)

Se c'è una cosa di cui sono sicuro è che questo mondo non basta, e se non c'è altro se lo possono riprendere indietro tutto intero.
(Saul Bellow)


Se durassimo in eterno, tutto cambierebbe. Siccome siamo mortali, molto rimane come prima.
(Bertolt Brecht)

Se la fama giunge solo dopo la morte, che aspetti.
(Marziale)

Se non poniamo fine alla guerra, la guerra porrà fine a noi.
(Herbert George Wells)

Se sei triste e vorresti morire, pensa a chi sa di morire e vorrebbe vivere.
(Jim Morrison)

Se un uomo non ha scoperto nulla per cui vorrebbe morire, non è adatto a vivere.
(Martin Luther King)

Si è derubati in borsa come si è uccisi in guerra: da gente che non si conosce.
(Alfred Capus)

Si è stati cattivi spettatori della vita, se non si è vista anche la mano che delicatamente uccide.
(Friedrich Nietzsche)

Si può sopravvivere a tutto al giorno d'oggi tranne che alla morte, e si può far dimenticare ogni cosa eccetto una buona reputazione.
(Oscar Wilde)

Siamo tutti rassegnati alla morte; è alla vita che non arriviamo a rassegnarci.
(Graham Greene)

Sogna come se dovessi vivere per sempre; vivi come se dovessi morire oggi.
(Oscar Wilde)

Solo i morti e gli stupidi non cambiano mai opinione.
(James Russell Lowell)

Soltanto l'inutilità del primo diluvio trattiene Dio dal mandarne un secondo.
(Nicolas de Chamfort)

Sono convinto che anche nell'ultimo istante della nostra vita abbiamo la possibilità di cambiare il nostro destino.
(Giacomo Leopardi)

Sono più le persone disposte a morire per degli ideali, che quelle disposte a vivere per essi.
(Hermen Hesse)

Spesso è da forte, più che il morire, il vivere.
(Vittorio Alfieri)

Temere l'amore è temere la vita, e chi teme la vita è già morto per tre quarti.
(Bertrand Russell)

Tre persone possono tenere un segreto, se due di loro sono morte.
(Benjamin Franklin)

Tutti gli uomini credono che tutti gli uomini siano mortali, tranne sé stessi.
(Edward Young)

Uccide la suocera scambiandola per la moglie.
(Ennio Flaiano)

Un bel morir, tutta la vita onora.
(Francesco Petrarca)

Un pessimista è uno che, quando sente profumo di fiori, si guarda in giro per vedere dov'è la bara.
(Henry Louis Mencken)

Un vantaggio della povertà è che i tuoi parenti non guadagnano nulla dalla tua morte.
(Anonimo)

Una parola muore appena detta: dice qualcuno. Io dico che solo in quel momento comincia a vivere.
(Emily Dickinson)

Una persona non muore quando dovrebbe, ma quando può.
(Gabriel García Marquez)

Una singola morte è una tragedia, un milione di morti è una statistica.
(Stalin)

Un'idea morta produce più fanatismo di un'idea viva; anzi, soltanto quella morta ne produce. Poiché gli stupidi, come i corvi, sentono solo le cose morte.
(Leonardo Sciascia)

Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
(Gandhi)

Vorrei morire ucciso dagli agi. Vorrei che di me si dicesse: "Come è morto? Gli è scoppiato il portafogli".
(Marcello Marchesi)


Iscriviti alla Newsletter


...per ricevere le nostre pillole di buonumore.