AFORISMI SULLA VISIONE



A volte il cuore vede cose che sono invisibili agli occhi.
(Anonimo)

Amore guarda non con gli occhi, ma con l'anima...
(William Shakespeare)


Chi legge sa molto; chi osserva sa molto di più.
(Alexandre Dumas figlio)

Chi non riesce più a provare stupore e meraviglia è già come morto e i suoi occhi sono incapaci di vedere.
(Albert Einstein)

Ci si bacia ad occhi chiusi forse anche per non ridere.
(Roberto Gervaso)

Ci sono certe cose che l'occhio femminile vede sempre più acutamente di cento occhi maschili.
(Gotthold Lessing)

Ciò che vediamo non è ciò che vediamo ma ciò che siamo.
(Fernando Pessoa)

Colui che non ama suo fratello, che lui può vedere, come può amare Dio che lui non può vedere?
(Sacre Scritture)

Come ti vidi mi innamorai. E tu sorridi perché lo sai.
(Arrigo Boito)

Come tutte le mattine si alzò, si guardò allo specchio e si vide bruttissima: ci mise un'ora a farsi brutta.
(Ennio Flaiano)

Cura il tuo aspetto: chi ha detto che l'amore è cieco?
(Mae West)

Dio è l'invisibile evidente.
(Victor Hugo)

Dove gli occhi van volentieri, anche il cuore va, né il piede tarda a seguirli.
(Carlo Dossi)

E' meglio una cosa vista che cento ascoltate.
(Proverbio Cinese)

Gli uomini si fidano delle orecchie meno che degli occhi.
(Erodoto)

Ho visto più lontano degli altri, perché stavo sulle spalle di giganti.
(Isaac Newton)

I grandi artisti sono quelli che impongono all'umanità la loro particolare illusione.
(Guy de Maupassant)

Il coraggio è spesso l'effetto di una visione poco chiara del pericolo che si affronta, o dell'ignoranza totale dello stesso pericolo.
(Claude-Adrien Helvetius)

Il tatto è la capacità di descrivere gli altri come loro stessi si vedono.
(Abraham Lincoln)

Il vero mistero del mondo è il visibile, non l'invisibile.
(Oscar Wilde)


Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi.
(Marcel Proust)

Io stessa sono più divina di chiunque altro io possa vedere.
(Margaret Fuller)

La bellezza delle cose esiste nella mente di chi le osserva.
(David Hume)

La castità perpetua la giovinezza. Nei volti stanchi e scavati di alcuni preti ho visto occhi di adolescente.
(François Mauriac)

La coscienza è quella voce interiore che ci avverte della possibilità che qualcuno ci stia guardando.
(Henry Louis Mencken)

La felicità è come gli occhiali che cerchiamo mentre li abbiamo sul naso.
(Gilbert Cesbron)

La lontananza rimpicciolisce gli oggetti all'occhio, li ingrandisce al pensiero.
(Arthur Schopenhauer)

La luce è più veloce del suono. Per questo motivo alcune persone sembrano brillanti fino a quando non parlano.
(Anonimo)

La saggezza è un punto di vista sulle cose.
(Marcel Proust)

La solitudine è una cosa senza la quale non si fa niente, senza la quale non si guarda più niente.
(Marguerite Duras)

L'amore è cieco, ma sa vedere da lontano.
(Proverbio Russo)

L'amore non vede i difetti, l'amicizia li ama.
(Anonimo)

L'aspetto delle cose varia secondo le emozioni; e così noi vediamo magia e bellezza in loro, ma, in realtà, magia e bellezza sono in noi.
(Kahlil Gibran)

Le scene della nostra vita sono come rozzi mosaici. Guardate da vicino non producono nessun effetto, non ci si può vedere niente di bello finché non si guardano da lontano.
(Arthur Schopenhauer)

Le stelle sono piccole fessure attraverso le quali fuoriesce la luce dell'infinito.
(Confucio)

L'occhio vede tutto. Salvo sé stesso.
(Alessandro Morandotti)

L'ovvio è quel che non si vede mai, finché qualcuno non lo esprime con la massima semplicità.
(Kahlil Gibran)

L'unico vero amore è l'amore a prima vista; la seconda occhiata lo scaccia.
(Israel Zangwill)

Nel cuore delle donne non ci vede chiaro che l'esaminatore disinteressato.
(Edmondo De Amicis)

Nessuno è nato sotto una cattiva stella; ci sono semmai uomini che guardano male il cielo.
(Dalai Lama)

Non basta guardare, occorre guardare con occhi che vogliono vedere, che credono in quello che vedono.
(Galileo Galilei)

Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi.
(Antoine de Saint Exupéry)

Ogni lettore, quando legge, legge sé stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che è offerto al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in sé stesso.
(Marcel Proust)

Per vedere cosa c'è sotto il proprio naso occorre un grande sforzo.
(George Orwell)


Più si riesce a guardare indietro, più avanti si riuscirà a vedere.
(Winston Churchill)

Quando si guardano troppo le stelle, anche le stelle finiscono per essere insignificanti.
(Jules Renard)

Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare.
(Friedrich Nietzsche)

Quanto tempo risparmia chi non sta a guardare quello che dice o fa o pensa il suo vicino.
(Marco Aurelio)

Saggio è chi riesce a vivere inventandosi le proprie illusioni.
(Woody Allen)

Se Cristoforo Colombo fu così felice di vedere degli alberi dopo tanto navigare, figuratevi il suo cane.
(Boris Makaresko)

Se nessuno ti vede mentre lo mangi, quel dolce non ha calorie.
(Anonimo)

Se per vedere il peso sulla bilancia ti serve un gioco di specchi, è il momento di cominciare una dieta.
(Anonimo)

Si è stati cattivi spettatori della vita, se non si è vista anche la mano che delicatamente uccide.
(Friedrich Nietzsche)

Si usa uno specchio di vetro per guardare il viso e si usano le opere d'arte per guardare la propria anima.
(George Bernard Shaw)

Sicuramente i più coraggiosi sono coloro che hanno la visione più chiara di ciò che li aspetta, così della gioia come del pericolo, e tuttavia l'affrontano.
(Tucidide)

Sul tuo cuore cadde il mio primo sguardo!
(Friedrich von Schiller)

Un arcobaleno che dura un quarto d'ora non lo si guarda più.
(Johann Wolfgang von Goethe)

Un linguaggio diverso è una diversa visione della vita.
(Federico Fellini)

Un vecchio amore è come un granello di sabbia, in un occhio, che ci tormenta sempre.
(Voltaire)

Una ragazza è sempre un mistero: non c'è che affidarsi al suo viso e all'ispirazione del proprio cuore.
(Edmondo De Amicis)

Vedere e ascoltare i malvagi è già l'inizio della malvagità.
(Confucio)

Vedo ciò che è meglio e lo lodo, ma faccio ciò che è peggio.
(Ovidio)


Iscriviti alla Newsletter


...per ricevere le nostre pillole di buonumore.